Nek Max Renga: Un Concerto da 90!

Scritto da il 14/07/2018

“Ci hanno chiamati in mille modi diversi, da trio nostalgia a i tre moschettieri, ma noi preferiamo definirci la prima boyband per adulti”

Mettono le cose ben in chiaro fin da subito Max Pezzali, Nek e Francesco Renga: il loro non è un concerto nostalgia. Quello che i tre cantanti vogliono fare è semplicemente suonare e portare in giro assieme la loro musica, fonte di tanta vita e tanti bei momenti.

Nelle oltre due ore e mezza di concerto che hanno offerto ai presenti a Villa Manin, i tre musicisti sono riusciti a riunire sul palco le loro tre carriere soliste, creando un vero e proprio spettacolo musicale dove si può cantare, ballare e perché no, anche un po’ emozionarsi.

L’apertura della serata è affidata al singolo “Duri da Battere” presentato lo scorso inverno e che ha fatto da apripista alla tournée invernale nei palazzetti. Da qui in poi, possiamo prendere la macchina del tempo e iniziare a viaggiare attraverso i grandi successi dei tre artisti, disposti in maniera da accontentare tutti quanti nel pubblico. Alcuni brani sono stati eseguiti da un’inedita miscela delle tre voci dei cantanti che ha reso nuovi e accattivanti dei pezzi ormai noti. Ecco allora che troviamo canzoni simbolo di tutti e tre i musicisti come: “Meravigliosa (la luna)”, “Angelo”, “Laura non c’è”, “Fatti avanti Amore”, “Sei un Mito” e “Come Mai”. I Momenti clou della serata, a mio avviso, sono stati: il medley acustico durante il quale un fiume di luci ha illuminato a giorno il parco di Villa Manin e la versione a tre voci de “Gli Anni”, che grazie alla presenza delle altre due voci guadagna maggiore spessore dal vivo.

Il concerto è stato una grande festa musicale, dove per due ore e mezza il pubblico è stato catapultato nel passato, per ripercorrere quelli che sono stati inevitabilmente gli ultimi 30 anni di musica italiana, fusi sul palco in un’unica miscela musicale. Anche le personalità dei tre musicisti, che si completano tra di loro, hanno contribuito a rendere la serata memorabile. Se Max Pezzali è più introverso, sta più in disparte e si limita a fare la sua parte parlando soltanto se ha qualcosa da aggiungere, Francesco Renga è più sciolto e parla a ruota libera, non disdegnando anche qualche freddura. Nek invece è il “bello” e il più “rock” dei tre musicisti, colui che non si preoccupa di scendere dal palco per interagire con il pubblico e vivere la passione che gli offrono i fan. L’unica cosa che, a mio avviso, manca a questo progetto musicale per essere completo è la scrittura di un album di inediti a sei mani, da poi portare in tour e dimostrare definitivamente che questa non è una tournée nostalgica, ma un progetto serio di tre artisti italiani che amano la musica. Al termine dell’articolo trovate la Photogallery con le foto di Simone Di Luca e Alessandro Flora

TRACKLIST:
(
Nek Max Renga: Il Tour)

Duri da battere
Cambio direzione (Renga)
Se io non avessi te (Nek)
Gli anni (883)
Meravigliosa (la Luna) (Renga)
Unici (Nek)
Nessun rimpianto (883)
A un isolato da te (Renga)
Un’estate ci salverà (Max Pezzali)
Sei solo tu (Nek)
Sei grande (Nek)
Il mio giorno più bello nel mondo (Renga)
Se telefonando (Nek)
Guardami amore (Renga)
Hanno ucciso l’Uomo Ragno (883)
Era una vita che ti stavo aspettando (Renga)
Medley Acustico (Raccontami/Dimmi cos’è/Una canzone d’amore/Ci sarai/Ci sei tu/Eccoti)
Angelo (Renga)
La tua bellezza (Renga)
L’universo tranne noi (Max Pezzali)
Sei un mito (883)
La regola dell’amico/Disco Inferno (883)
Almeno stavolta (Nek)
Se una regola c’è (Nek)
Lascia che io sia (Nek)
Sempre noi (Max Pezzali)

Encore:
Laura non c’è (Nek)
Vivendo adesso (Renga)
Come mai (883)
Fatti avanti amore (Nek)
Nuova luce (Francesco Renga)
Nord sud ovest est/Tieni il tempo (883)

Questo slideshow richiede JavaScript.


Opinioni dei lettori

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato I campi richiesti sono contrassegnati con *


Effe Radio

Current track
TITLE
ARTIST

Background